Blog vs Twitter

Mi capita spesso negli ultimi tempi di imbattermi in blog abbandonati, il cui ultimo post risale all'anno scorso (se si è fortunati), o addirittura a due anni fa nei casi più disperati.

In questi e moltissimi altri casi, mi sento di consigliare di abbandonare immediatamente il blog, chiudendolo, e di inserire all'interno della propria strategia di social marketing un account su Twitter, agile ed immediato, può richiedere meno impegno nel tenerlo vivo!

Vediamo di seguito i lati positivi dell'uno e dell'altro!

BLOG

Lati positivi

  1. Se lo apri su un dominio di tua proprietà ne hai il completo controllo.
  2. Possibilità di infinite personalizzazioni.
  3. Possibilità di arricchire i contenuti con foto, video, podcast, ecc…

Lati negativi

  1. E' d'obbligo scrivere almeno un articolo al giorno per tenerlo vivo.
  2. E' fondamentale dare sempre contenuti originali e unici, evitando di duplicare un articolo letto altrove e dare notizie clonate.

TWITTER

Lati positivi

  1. Forma di microblogging composta da solo 140 caratteri, molto veloce ed immediata.
  2. Il tempo richiesto per creare il proprio account è poco più di qualche minuto.
  3. La possibilità di entrare in contatto con la propria clientela e con possibili futuri clienti interessati al tuo servizio.

Lati negativi

  1. Richiede un'attenzione quotidiana al proprio account per essere pronti a rispondere a chi ci fa domande, a chi ci menziona oppure a chi ci retwitta, per evitare di creare quel senso di account abbandonato, quella stessa sensazione che abbiamo quando entriamo in un blog aggiornato a Natale 2008!
  2. Essendo su una piattaforma non di nostra proprietà, siamo in balia dei cambiamenti imposti dai titolari del servizio…e se da domani diventasse a pagamento Twitter? Oppure, ancora peggio,  venisse chiuso?

 E tu, sei per twitter o per il blog? O per entrambi?

Lascia un commento